Imparare il Trading con Leo Messi

  • Home
  • Imparare il Trading con Leo Messi
Shape Image One
Imparare il Trading con Leo Messi

Nella diretta di venerdì scorso, abbiamo definito il trading discrezionale una truffa, dando vita a una discussione accesa, ma anche ricca e interessante.

Ovviamente si trattava di un titolo provocatorio: non crediamo davvero che il trading discrezionale in assoluto sia una vera e propria truffa, ma presenta una serie di incognite, variabili e difficoltà che spesso non sono comprese a fondo dai neofiti che si avvicinano al mondo dei mercati finanziari.

Ad esempio, nonostante siano obbligati per legge a pubblicare i risultati annuali dei loro iscritti, la maggior parte dei broker li relega a note legali scritte con caratteri minuscoli e pressoché illeggibili.

Ma se andiamo a vedere i dati ufficiali, i risultati sono questi:

E questi:

E anche questi:

Il vero problema è, quindi, che milioni di persone si avvicinano al trading senza solide basi e cercando di carpire informazioni e metodi da video e contenuti gratuiti sparsi per i vari social.

Molti si fanno irretire dai guadagni mostrati da alcuni personaggi e sperano di poter replicare le loro performance imparando a tradare come loro.

Ecco, è qui il vero nocciolo della questione: il trading discrezionale non è replicabile e dunque non è trasmissibile.

Lo dice la parola stessa: “discrezionale”.

Ovvero basato sulla discrezionalità, che a sua volta deriva dall’esperienza, dall’intelligenza, dal talento e, a volte, dalla fortuna di chi opera.

Ne deriva che anche i corsi a pagamento sul trading discrezionale non hanno senso: ammesso e non concesso che l’insegnante sia davvero un trader profittevole (ce ne sono molti meno di quanto si creda) sarà impossibile acquisire e far proprie le sue abilità.

Perché sono uniche e ascrivibili solamente a quella specifica persona.

È come pagare per frequentare un corso in cui Leo Messi mi insegna a palleggiare.

Lui potrà anche avere le migliori intenzioni e cercare di trasmettermi tutti i suoi trucchi, ma se io ho i piedi “fucilati” (come non mancava di ripetermi il mio allenatore – fine psicologo – quando avevo 13 anni) ci farò ben poco.

La teoria è una cosa, la pratica è un’altra.

Senza contare che se palleggi male al massimo il pallone cade a terra o rompi un soprammobile, ma se operi male sui mercati perdi soldi veri e bruci il conto.

Ecco perché in BuzWay il trading è solo e soltanto sistematico.

Il che significa che nulla è lasciato al caso, ma inserito in un sistema che limita le possibilità di errore, nonché l’impatto dell’emotività (che nel trading fa più danni della grandine) e dei nostri bias cognitivi.

E non dimentichiamo uno dei vantaggi principali del trading automatico rispetto al discrezionale: il non dover passare la giornata davanti al monitor a guardare grafici!

Ma per fortuna da stasera cambia tutto: sveleremo la chiave segreta del trading profittevole!

Non un indicatore, non una serie di figure che decidiamo di “scovare” su un grafico, non delle linee magiche che dovrebbero prevedere il futuro.

Ma un percorso logico, razionale, strutturato, completo e replicabile che ti trasformerà da aspirante trader (o trader “per hobby”) a diventare un vero trader professionista e profittevole.

Non perderti il webinar di stasera alle 21: presenteremo qualcosa di assolutamente innovativo e rivoluzionario per il mondo del trading italiano.

Ci vediamo alle 21 in punto con “La Chiave Segreta del Trading Profittevole”!

 

Analisi, news e spunti operativi, gratis nella tua inbox ogni domenica mattina.

 

 

Anche noi odiamo lo spam: i tuoi dati sono al sicuro e potrai cancellarti in qualsiasi momento.