Quali sono le differenze tra trading e investing?

  • Home
  • Quali sono le differenze tra trading e investing?
Shape Image One

Quali sono le differenze tra trading e investing?

Investire in borsa significa comprare asset finanziari puntando al loro aumento di valore nel tempo. 

Il classico esempio di investimento finanziario riguarda le azioni: se conosco un’azienda e penso che nel futuro andrà bene allora posso decidere di comprarne delle azioni.

Facendo così guadagnerò se, negli anni, l’azienda aumenterà di valore.

L’aumento di valore dipende da molti fattori. Ad esempio Netflix negli ultimi anni è cresciuta parecchio perché offre un servizio totalmente nuovo. Oppure Apple, con i suoi iPhone, oppure Microsoft e via discorrendo.

Nel trading online l’obiettivo è guadagnare da acquisti e vendite di prodotti finanziari. Tipicamente l’attività di trading si svolge in un orizzonte temporale medio-breve, da qualche secondo a qualche mese.

Al trader non importa se uno specifico prodotto finanziario ha un valore intrinseco e quindi debba per forza crescere. Il trader, per definizione, scommette su un movimento futuro dei prezzi, sia questo verso l’alto o verso il basso.

Quindi un trader può fare un’operazione sia di vendita che di acquisto senza alcun discrimine.

Nella sostanza, un trader è uno speculatore. Prova a comprare a un prezzo basso per rivendere a un prezzo più alto; oppure prova a vendere a un prezzo alto per ricomprare a un prezzo più basso.

L’investitore, invece, punta sulla crescita di un prodotto finanziario (quasi sempre legato ad aziende). Proprio per questo motivo il suo orizzonte temporale è decisamente più lungo. Va da 5-10 anni fino a 30-50.

 

Analisi, news e spunti operativi, gratis nella tua inbox ogni domenica mattina.

 

 

Anche noi odiamo lo spam: i tuoi dati sono al sicuro e potrai cancellarti in qualsiasi momento.