L’Arabia Saudita produce petrolio a manetta ma non sa a chi venderlo

  • Home
  • L’Arabia Saudita produce petrolio a manetta ma non sa a chi venderlo
Shape Image One
L’Arabia Saudita produce petrolio a manetta ma non sa a chi venderlo

L’Arabia Saudita sta aumentando la sua produzione di petrolio e acquistando nuove navi cisterna per combattere la sua guerra dei prezzi con la Russia, nonostante l’erosione della domanda di greggio.

Il più grande esportatore mondiale di petrolio produce oltre 12 milioni di barili al giorno, circa due milioni di barili al giorno in più di un mese fa, hanno detto i funzionari sauditi.

Tutto questo petrolio in più non ha praticamente alcun posto dove andare. Alcune delle navi che il regno saudita ha affittato per aiutarlo ad aumentare le esportazioni stanno lasciando i porti pieni di petrolio, ma non hanno destinazione.

“Ci sono caricamenti senza destinazione perché non abbiamo acquirenti”, ha detto un funzionario saudita.

Il principe arabo Mohammed Bin Salman

I prezzi del petrolio sono scesi di circa il 70% a livelli mai visti dal 2002 a seguito degli attacchi terroristici dell’11 settembre.

La capacità di stoccaggio del greggio mondiale si sta rapidamente saturando, anche a causa del blocco della domanda a causa del Covid-19.

Le crepe della strategia che ha causato la guerra dei prezzi,stanno iniziando a mostrarsi. Pochi giorni dopo aver deciso di inondare i mercati, l’Arabia ha prenotato 16 superpetroliere inattive a Singapore poiché la propria flotta non sarebbe stata in grado di gestire le esportazioni extra, secondo la società di consulenza energetica JBC e il sito web di tracciamento delle navi FleetMon.

Mentre prevede di inviare più navi cisterna, l’Arabia Saudita rischia di navigare in un mercato che ha pochi posti dove riporlo. Aramco ha lottato per vendere petrolio extra in Europa e negli Stati Uniti, dove la pandemia ha costretto le autorità a fermare i voli e altri viaggi.

Come raccontavo ieri, l’Arabia ha messo in seria difficoltà non solo gli USA e la Russia, principali concorrenti, ma anche gli altri produttori dell’OPEC.

_

Per ulteriori analisi e approfondimenti, entra nel BClub!

 

 

Analisi, news e spunti operativi, gratis nella tua inbox ogni domenica mattina.

 

 

Anche noi odiamo lo spam: i tuoi dati sono al sicuro e potrai cancellarti in qualsiasi momento.