Si impennano i prezzi di grano e riso a causa del coronavirus

  • Home
  • Si impennano i prezzi di grano e riso a causa del coronavirus
Shape Image One
Si impennano i prezzi di grano e riso a causa del coronavirus

I consumatori stanno facendo scorta di pasta, riso e pane, i paesi stanno limitando le esportazioni e i produttori faticano a trasportare la materia prima.

Risultato: i prezzi del grano e del riso, due dei cereali di base del mondo, stanno aumentando rapidamente.

Il prezzo del future sul Wheat è aumentato del 15% da metà marzo e ha raggiunto i $ 5,72 lunedì, in controtendenza rispetto alla crisi economica indotta dal coronavirus che ha danneggiato la maggior parte dei mercati delle materie prime. 

I prezzi europei sono saliti anche perché le misure di quarantena in Francia, uno dei maggiori produttori di grano al mondo e in piena epidemia di coronavirus, hanno reso difficile il trasporto di grano.

Crescita esponenziale del prezzo del future sul Wheat dal 17 marzo.

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura afferma che le questioni logistiche, insieme al calo del valore delle valute dei mercati emergenti, stanno rendendo i cereali più costosi per le nazioni importatrici di cibo. Questo rischia di innescare una crisi alimentare nei paesi più poveri, così come nelle regioni colpite duramente dalla pandemia.

A dire il vero, il mondo non sta per finire il cibo. Le scorte di cereali e semi oleosi sono elevate grazie a una serie di ricchi raccolti e all’ascesa di Russia, Ucraina e paesi dell’America Latina come importanti esportatori agricoli.

andamento esportazioni negli ultimi anni.
Classifica paesi esportatori di Wheat in miliardi di dollari.

Un raccolto mondiale di grano da record di 764,5 milioni di tonnellate è previsto per la stagione 2019-20, che termina ad agosto, secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. “C’è ancora abbastanza grano sul pianeta per sfamare tutti”, ha dichiarato Tom Houghton, analista di AgriCensus.

Wheat stoccato globalmente. By Statista

Poi c’è il problema che i paesi esportatori ne stanno limitando il commercio, così da mantenerne un prezzo sostenibile per il mercato interno e i paesi importatori ne stanno invece facendo grande scorta.

Ad esempio, il presidente egiziano Abdel Fattah Al Sisi, il più grande importatore di grano al mondo, ha detto di aumentare le riserve alimentari del paese.

Principali importatori di Wheat. Nell’Unione Europa, il leader è l’Italia. by Statista.

Negli Stati Uniti, il coronavirus è arrivato proprio nell’anno in cui si stima che gli agricoltori abbiano ridotto parecchio le aree impiantate. L’USDA, infatti, prevede che quest’anno gli agricoltori pianteranno 45 milioni di acri di grano, il numero più basso dal 1909.

Di seguito un grafico che riporta l’area di semina del grano con la produzione. Faccio notare il trend decennale di diminuzione delle aree impiantante.

Fonte USDA.

Questo è un momento storico in cui si percepisce a pieno la meravigliosa complessità delle materie prime.

Invito alla prudenza nell’operatività, soprattutto se non si hanno le giuste competenze.

Buon trading.

_

Per ulteriori analisi e approfondimenti, entra nel B–Club!

Analisi, news e spunti operativi, gratis nella tua inbox ogni domenica mattina.

 

 

Anche noi odiamo lo spam: i tuoi dati sono al sicuro e potrai cancellarti in qualsiasi momento.